bimbo-mangia-la-pappa

Il latte materno rappresenta da sempre l’esempio perfetto di come dovrebbe essere un alimento: ricco e nutriente, perfettamente calibrato per accompagnare il bambino nella crescita. Ma come fare al momento dello svezzamento? Semplice: basta introdurre l’olio di oliva!

Vi diamo giusto un paio di informazioni: non solo contiene le vitamine, ma aiuta anche a assorbire quelle presenti in altri alimenti. Permette di ridurre la possibilità di contrarre malattie infiammatorie, ma è anche cardioprotettivo e antiobesità, allontana il rischio di contrarre il diabete.

Ma è simile al latte materno anche nella composizione: acidi grassi essenziali simili e la stessa percentuale di acido linoleico. Si digerisce molto bene, protegge lo stomaco ed evita la stitichezza.

L’olio extravergine di oliva inoltre è ricco di Vitamina D, quindi durante la crescita regola il metabolismo del calcio e del fosforo, che aiuta le ossa a ossificarsi

E sapevate che non contiene colesterolo? Sembra una sciocchezza, e invece c’è da tenere conto che in quasi il 35% dei bambini tra i 6 e i 9 anni ci sono livelli di colesterolo alto.

E a questo punto è necessario sottolineare come la scelta dell’olio di oliva deve orientarsi verso un extravergine di qualità, in grado di supportare la crescita dei nostri bambini.

Non si può risparmiare sulla loro salute!